An international cultural project: the first worldwide design libraries network for university, companies, designers and media.

NOT SUPPORTED - download a file NOT SUPPORTED - download a file

We would like to thank the publishing companies and supporters who have provided books and magazines.

  • National
  • Abitare
  • Agepe
  • Alberto Greco Editore
  • Apogeo
  • Allemandi
  • Auto&Design
  • Clean
  • Corraini
  • Cosmit
  • DDE
  • Domus Academy
  • Editoriale Domus
  • Editrice Compositori
  • Edizioni Habitat
  • Edizioni Fiera Milano
  • Edizioni Rdesignpress
  • Ergonomia
  • Electa
  • Feltrinelli
  • Franco Angeli
  • Hachette
  • Hoepli
  • Ikon Editrice
  • Il Sole 24 Ore
  • Impackt
  • Interni
  • IQD Inside Quality Design
  • Label
  • L’Arca
  • Laterza
  • Lupetti
  • Mancosu
  • Marsilio
  • Mondadori
  • Motta Architettura
  • Polidesign
  • Popai
  • RCS
  • Reed Business
  • Silvana Editoriale
  • Skira
  • International
  • Arnoldsche Art Publishers
  • Assouline
  • Azure
  • Blueprint
  • Clear Magazine
  • Detail
  • Frame
  • Icon
  • I.D.
  • Intramuros
  • Monitor Magazine
  • Objekt
  • Permanent Food
  • Phaidon
  • Select Magazine
  • Surface
  • StylePark
  • Taschen
  • The Mix Residence

We would like to thank all the donors who have generously contributed to create the DesignLibrary archives in Milan and abroad.

  • Alberto Bassi
  • Alessandra Laudati
  • Anna Casati
  • Anna Ferrieri Castelli
  • Art Book
  • Cesare Secondi
  • Clara Mantica
  • Corraini Arte Contemporanea Edizioni
  • Cosmit
  • Cristina Morozzi
  • Daniele Lorenzon
  • Design-italia
  • Editrice Abitare Segesta
  • Ergo per comunicare all’estero
  • Francesco Fois
  • Franco Angeli Edizioni
  • Giulio Castelli
  • Luca Fois
  • Manuela Cifarelli
  • Map
  • Marco Piva Studio
  • Marta Meda
  • Massimo Morozzi
  • Nicola Castelli
  • Ordine degli architetti
  • Patrizia Scarzella
  • Raimonda Riccini
  • Tersilla Giacobone
  • Valerio Castelli
  • Irene Tchimorin
  • Raymond Zujus
  • Rūta Valušytė
  • Centras magazine
Head officeLatitudeLongitudeZoom levelShow infowindowText
Milano45.455689.1684515true

Milano
via Savona, 11
20144 Milano (IT)
biblioteca@designlibrary.it
+390249537410

Head officeLatitudeLongitudeZoom levelShow infowindowText
Shanghai31.2213121.44415true

Content B1

Head officeLatitudeLongitudeZoom levelShow infowindowText
Istanbul41.020228.949615false //
Head officeLatitudeLongitudeZoom levelShow infowindowText
Kaunas54.89970423.96152915true

KTU Santakos valley - science, technology and business centre

K. Baršausko g. 59, Kaunas LT - 51423, Lithuania

info.kaunas@designlibrary.it

+370 6717 3070

An international cultural project: the first worldwide design libraries network for university, companies, designers and media.

NOT SUPPORTED - download a fileNOT SUPPORTED - download a file
< back

i Giovedì del Design n.213

A toy world

Ospiti: Matteo Ragni, Luca Boscardin, Luca Fois, Francesco Zurlo, Maria Grazia Andali, Andrea Carbone, Silvia Salami

ingresso gratuito per gli associati · free entrance for members

Una serata dedicata al Design del gioco e del giocattolo. Un argomento che da qualche tempo a questa parte ha visto progettisti, aziende e università confrontarsi su un tema sempre più vasto e articolato come quello della funzione sociale, ludica ed educativa, ma non solo.
Oggetti analogici o digitali, industriali o artigianali, standard o personalizzati, che vengono immessi sul mercato sotto l'egida del "Made in Italy", con risultati diversi fra loro, ma sicuramente in netta crescita su tutti fronti.
Matteo Ragni, che da papà-designer di fama internazionale con il suo progetto 100% ToBeUs, sarà capofila di una tavola rotonda intorno alla quale verrà raccontata l'esperienza progettuale di Luca Boscardin (www.lucabosca.com), giovane progettista con base ad Amsterdam da ormai 3 anni;
Andrea Carbone e Maria Grazia Andali, fondatori di formabilio.com e partner di DesignLibrary per la realizzazione di un Summer Camp intitolato World Wide Wood: legno, gioco e e-commerce, recentemente segnalati dal premio all'Innovazione Amica dell'Ambiente promosso da Legambiente e Fondazione Cariplo;
Luca Fois e Francesco Zurlo, direttori del Corso di Alta Formazione in Design del Giocattolo al Politecnico di Milano, e pionieri del "kid-nascimento";
Silvia Salami, co-fondatrice di SGV, azienda specializzata nella fornitura di servizi su misura per designer e aziende, caratterizzata da una forte vocazione all'innovazione tecnoligica e in prossima partenza con un importante progetto di Fab Lab a Milano.
Durante la serata, grazie alla collaborazione con Work Line, sarà installata nella sala conferenze della biblioteca una macchina per il taglio laser che realizzerà dal vivo alcuni pezzi disegnati da Luca Boscardin, che poi verranno distribuiti ai partecipanti.

 

Matteo Ragni - 100% ToBeUs
Laureato in Architettura al Politecnico di Milano. Vince con Giulio Iacchetti il Compasso d’Oro ADI 2001 per “Moscardino”, ora nella Collezione Permanente del Design presso il MOMA di New York. Nel 2008 vince il Wallpaper Design Award ’08 per la lampada da tavolo/ferma libri Leti prodotta da Danese.
Nello stesso anno fonda TobeUs, marchio di macchinine in legno prodotte artigianalmente in Italia. Per la casa editrice Corraini ha pubblicato “Camparisoda: l’aperitivo veloce futurista, da Fortunato Depero a Matteo Ragni” per celebrare i 100 anni del Futurismo e, nel 2012, il libro “Wallpaper Celebration”.
Nel 2012 è stato premiato, per il progetto di occhiali in legno e alluminio W-eye, con l’ambito riconoscimento Premio Nazionale per l'Innovazione “Premio dei Premi”. 

Luca Boscardin
È nato a Bassano del Grappa il 3 del 3 dell'83.

 

Si laurea in Scienze dell'Architettura per poi continuare con la specialistica in Comunicazione Visiva e Multimediale allo IUAV di Venezia. Sente presto, però, di non riuscire ad incastrare le sue illustrazioni all'interno delle rigide griglie di autocad e del layout grafico. La tesi di laurea specialistica è l'occasione di progettare il suo primo gioco, usando l'illustrazione e il colore per concepire una città in carta e alluminio.
Si traferisce ad Amsterdam, dove vive e lavora da circa 3 anni, e qui, dopo una prima esperienza come grafico in uno studio di comunicazione visiva, inizia a lavorare presso lo studio Kidsonroof. Sarà proprio questa esperienza a mettere i giocattoli al centro della sua attenzione e a considerare la progettazione per bambini non più solo un divertimento, ma un mestiere vero e proprio.

Ora collabora con diverse aziende e studi internazionali, sperimenta diversi metodi costruttivi e materiali. Nel suo "mondo" la grafica diventa elemento tridimensionale, le superfici, attraverso incastri o accostamenti, si trasformano in oggetti per giocare.

 

 

Luca Fois e Francesco Zurlo - Corso di Alta Formazione in Design del Giocattolo
POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano, con il patrocinio di Assogiocattoli, che rappresenta i produttori e distributori italiani del settore, organizza il primo corso internazionale sul Design for Kids & Toys.
L’Italia eccelle di nome e di fatto nel design in genere (inteso come cultura, metodo e pratica del progetto e della produzione), eccelle nella moda, nel food e nella creatività applicata a molteplici attività, ma nel giocattolo e nelle produzioni per l’infanzia il design può ancora giocare un ruolo chiave per costruire un’identità riconoscibile.
Il “Sistema Design” e il “Sistema delle Imprese” italiane, mostra episodi significativi ma non certo un presidio coerente e ben riconoscibile nei prodotti per bambini, nell’arredo per l’infanzia, nel gioco e nel giocattolo. Da questo ne deriva un’esigenza formativa, poli-tecnica e multi-competenza. Un ruolo che designer e designer strategici in particolare possono oggi svolgere con capacità e comprensione dei molteplici aspetti che vengono messi “in gioco”. Progettare un gioco vuol dire avere le competenze per progettare tutto il sistema di artefatti, prodotti e servizi per e attorno al bambino.
Design e innovazione nel giocattolo:
Troppo spesso il giocattolo risulta essere la declinazione di un qualcosa di preesistente, sovraccarico di segni, funzioni e colori inseriti in un packaging volutamente ridondante, o la riproduzione non mediata di un oggetto per adulti.
La tecnologia offre interessanti opportunità ma molto spesso non è un veicolo di contenuti qualificati in grado di generare nuove modalità di gioco, apprendimento e socializzazione o di stimolare la creatività e la fantasia, ma al contrario è uno “specchietto per allodole”, autoreferenziale e non progettata in funzione dell’utilizzatore. Allo stesso tempo se pensiamo oggi al “Design for Kids” ci si rende conto del numero e della tipologia delle competenze necessarie a progettare un prodotto di qualità rivolto al mondo dell’infanzia.

 

Andrea Carbone e Maria Grazia Andali - Formabilio.com
Etica e sostenibilità caratterizzano la più famosa piattaforma italiana di progettazione, produzione e vendita di design rigorosamente Made in Italy. Scelti per i propri valori come partner di DesignLibrary nell'organizzazione del campo estivo di progettazione, tenutosi lo scorso mese di luglio nel quale il "sistema giocattolo" ha dato prova della sua capacità di affrontare anche la sfida di internet e dell'e-commerce.
Formabilio è un brand italiano di arredi e complementi ecosostenibili pensati da designer di tutto il mondo attraverso concorsi di idee online, scelti da una community di appassionati di design, realizzati da piccole aziende del made in Italy e acquistabili online dalla piattaforma formabilio.com.
Partecipato: la community sceglie i progetti da realizzare tra quelli candidati ai design contest e ai vincitori Formabilio riconosce il 7% di royalty.
La community di Formabilio è oggi composta da più di 87.000 iscritti, di cui circa 2,018 designer, per un totale di oltre 4.487 progetti presentati. Made in Italy: le idee vincenti sono trasformate in arredi da piccole aziende artigianali italiane partner di Formabilio. Ecosostenibile: prodotti pensati green e realizzati con legnami di prossimità, tessuti riciclati o rigenerati, finiture con oli o vernici all’acqua. 

Silvia Salami - Partner SGV
All'interno dei nuovi sistemi produttivi e delle filiere più innovative, la forte innovazione tecnologica rappresenta sicuramente un aspetto determinante nella nascita di nuovi "sistemi-design", come avvenuto nel settore del giocattolo appunto. Realtà come i Fab Lab rappresentano in Italia l'avanguardia che permette a molti designer di accedere in modo diretto alla fase di produzione. Saltando di fatto i tradizionali passaggi dell'industria e consentendo ad un prodotto di raggiungere livelli di personalizzazione e riproducibilità pari, se non in alcuni casi migliori, rispetto alle produzioni tradizionali.

cover-girl del numero di gennaio 2014 su Wired Italia
Istruzione: Diploma di Maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Federigo Enriques di Lissone
Laurea in Disegno Industriale presso il Politecnico di Milano - Polo di Como
Specializzazione in design navale e nautico presso l' Università di Genova - Polo di La Spezia
Conseguimento certificato ART (Authorized RhinoTrainer) per insegnamento Rhinoceros
Dal 2005 al 2008 impiegata presso l'ufficio tecnico presso di Colber s.r.l. (azienda produttrice di arredamenti per il settore navale e alberghiero).

Tra le principali capacità: progettazione 3d, ingegnerizzazione del prodotto con creazione dei disegni costruttivi, generazione distinte base e gestione dei fornitori per la produzione.
Partner di SGV insieme a Giorgio Villa, promotori della prossima apertura di un ambizioso progetto di Rhino Fab Lab nella città di Milano.